Motti siciliani

con testimonial

Home

Indice - Menu Barricate  

 

     

Motti, proverbi, aforismi e modi di dire appartengono alla cultura di un popolo e ne formano talvolta la filosofia comportamentale: la saggezza 'antica' tramandata oralmente di generazione in generazione.

Molti proverbi esistono con pari significato in lingua italiana (e probabilmente anche in altre lingue) e nei dialetti locali. Ma ce ne sono alcuni che, a parer mio, a meno di improbabili smentite, sono tipicamente ed esclusivamente siciliani.

Li ho selezionati aggiungendo per ciascuno di essi una vignetta-testimonio.


A quale argomento si riferisce Bossi?

 

Voto agli immigrati? Federalismo? Finanziaria? Pensioni?

Fari trasiri (n’a stadda) ‘u sceccu p’a cura, vali a diri iennu n’arreri: cosa chi l’armalu fa cu mala volontà picchì ci veni difficili.

 

‘U significatu è:

Fari quacchi cosa pi forza, puru canciannu ‘i regoli e contru ‘a logica.

 

Traduzione p’i continentali: 

Fare entrare (nella stalla) l'asino per la coda, cioè procedendo all'indietro: azione che la bestia esegue malvolentieri e con notevole difficoltà.

 

Significa:

Compiere un'azione a tutti i costi, anche sovvertendo le regole e contro ogni logica.

 


Lingua siciliana in Padania

 

Ciampi, mentre è in Padania, se ne esce con un motto siciliano ma riceve risposta repentina

 

'A vozza è 'a sacca d'i polli, unni arrisettanu 'u manciari pi poi fallu passari a picca a picca n'u stomacu.

 

‘U significatu è:

P'aviri risultati bisogna movisi e iri firriannu.

 

 

Traduzione p’i continentali:

 

La gallina che va in giro torna a sera con la sacca piena.

 

'Vozza ' è la sacca ventrale (tra esofago e stomaco) dove i polli sistemano il cibo che poi introducono a poco a poco nello stomaco.

 

Significa:

Per ottenere risultati occorre muoversi, andare in giro, darsi da fare.

 


Il Ministro Maroni si appropria di un motto siciliano per minimizzare la riforma pensionistica e l'incontro-scontro con i Sindacati

'A cutra n'a stu casu è chidda chi s'usa mettiri pi ornamentu supra 'a cascia d'u mortu.

 

L'origini d'u mottu avi dui 'nterpretazioni:

1) A tempi antichi, 'u parrinu pi mettiri 'a cutra supra 'u mortu pritinnia d'essiri paatu a parti; i parenti d'u mortu protestavanu... e finia a sciarra. (chistu dici Traina n'u so' dizionariu)

2) L'eredi si spartinu tutta l'eredità senza problemi e poi attaccanu turilla a cu s'ava pigghiari 'a cutra. (chista è 'a tradizioni orali chi m'arrivò e chi mi pari chiù convincenti)

 

'U significatu è:

Sciarriarisi pi motivu di scarsa 'mportanza

 

Traduzione p'i continentali:

Tutta la lite è per la 'cutra'.

'Cutra' (traduzione letterale = coperta) in questo caso è la copertina ornamentale che si usa porre sopra il catafalco.

L'origine del motto trova due interpretazioni:

1) In tempi antichi (ma non molto) il prete per sistemare la 'cutra' pretendeva un pagamento supplementare; i parenti del defunto protestavano e finiva a litigio (versione fornita da Traina nel suo 'Dizionario della Lingua siciliana').

2) Dopo la spartizione dell'eredità avvenuta di comune accordo, gli eredi cominciano a discutere sul possesso della 'cutra' e finisce a litigio (tradizione orale a me pervenuta e che trovo più convincente).

 

Significato:

Litigare per futili motivi.


Berlusconi è uomo di mondo e il motto ha saputo usarlo bene anche adesso che magari non ne avrebbe bisogno

 

‘U significatu è:

Cunveni frequentari genti chi è megghiu 'i tia pi cultura e qualità morali, a costu di perdici 'i sacchetta.

 

Traduzione p’i continentali:

Unisciti, vai insieme a chi è migliore di te, a costo di rimetterci di tasca tua.

 

Significa:

Conviene frequentare persone di qualità superiori alle nostre.