La rubrica della saggistica è quasi completamente dedicata al Festival di Fantascienza, ScienceplusFiction tenutosi a Trieste e organizzato da Vittorio Curtoni.
Nel primo saggio Fabio Calabrese descrive un po' quella che è stata la prima edizione del Festival dopo vent'anni d'assenza e la rinascita (la cosiddetta edizione n°0) dell'anno scorso.
Non descrizioni, ma piuttosto argomentazioni ed emozioni personali nello scritto di Gianni Ursini, che si lascia prendere dall'enfasi (ma anche dalle perplessità) che lo hanno coinvolto durante la manifestazione.
Nell'ultimo saggio, sempre di Calabrese, si parla più in generale del fantastico in tutto il Friuli-Venezia Giulia, e quindi di tutte le iniziative sviluppate in quella regione, compresa l'Hobbiton.
L'"odissea" si è arricchita senz'altro del "Raccontare Trieste 2001", di cui Calabrese non ha potuto parlare in quanto ha scritto il suo saggio prima che uscisse quel libro, ma poco male: di quell'antologia ne parliamo su questo numero nella sezione delle recensioni sui libri, quindi crediamo (e speriamo) di avervi dato (in un modo o nell'altro) il quadro completo di quello che è stato il 2001 per la fantascienza del Friuli-Venezia Giulia.


ScienceplusFiction di Fabio Calabrese.

Rinasce il Festival di Fantascienza di Trieste grazie alla testardaggine del centro "La Cappella Underground" di Gianni Ursini

2001, odissea nel fantastico friulano e giuliano di Fabio Calabrese.