Roma e i romani nei secoli
Chi ha portato il
calcio a Roma?
La leggenda di 
Campo Testaccio
Dallo stadio "Torino"
allo Stadio Olimpico
Le foto delle formazioni 
della Roma:
1927-28 / 1944-45
1945-46 / 1964-65
1965-66 / 1984-85
1985-86 / 2002-03
AMARCORD ANNI '70
1970/71
1972-73
1973-74
1974-75
1975-76
1976-77
1977-78
1978/79
1979-80
I biglietti dell'A.S. Roma
Le tessere stagionali
Le Maglie della Roma
Memorabilia
Le riviste che parlano ed hanno parlato della Roma
La Roma nelle figurine Panini:
i portieri
gli stemmi
i giocatori
Il piazzamento della Roma nella storia del calcio italiano e la distribuzione del tifo giallorosso regione per regione




(poi Fortitudo Pro Roma)

Sull'altro versante l'Alba assorbì la sezione calcio dell'Audace, oltre a cartellinare i pochi giocatori rimasti liberi della disciolta Juventus.
    I due movimenti collaterali, anche se rivali, di unione delle forze calcistiche della capitale preludevano, ovviamente la fusione finale.
  ItaloFoschi, in quel periodo, aveva assunto la presidenza della Pro Roma, la cui ragione sociale era Associazione Sportiva Fascista Pro Roma.
Praticamente, nel momento in cui si realizza il piano di Foschi, nella capitale sopravvivono quattro sodalizi calcistici: la Lazio, la FortitudoPro Roma, il Roman e l'Alba.
 
La Roma fu fondata per unire le forze calcistiche dell'Urbe e per contrapporre, alle più agguerrite e solide compagini settentrionali, una squadra modernamente organizzata e formata da atleti di primo piano.
Nel 1926, nel mondo calcistico capitolino, predominava il classismo più acceso. Ogni squadra romana di prima divisione possedeva qualcosa che all'altra mancava e, singolarmente, rappresentavano una piramide sociale startificata. Incollate insieme avrebbero, però, fatto germogliare e crescere il fenomeno testaccino e radicato, nell'animo degli sportivi romani, la passione giallorossa.
    L'aver compreso la reale situazione calcistica di Roma e l'aver gettato le basi per un sostanziale rinnovamento sono stati i vantaggi dell'operazione condotta da ItaloFoschi, organizzatore di notevole prestigio e di onestà a tutta prova.
  ItaloFoschiricopriva, in quel periodo, la carica di federale e, contemporaneamente, era membro del C.O.N.I. e presidente della FortitudoPro Roma.
    I vecchi borghigiani rivendicano l'apporto più sostanziale alla fondazione dell'Associazione Sportiva Roma, dato che la Fortitudo fornì alla nascente squadra capitolina 12 giocatori, di cui ben cinque avevano indossato la maglia della nazionale.
    Essi sostengono che la fusione, voluta dall'avv. ItaloFoschi, fu un atto d'imperio; altri che, data la situazione economica dei diversi sodalizi e l'impossibilità di gareggiare ad armi pari con le formazioni settentrionali, fu una necessità.
    La ragione principale è proprio quest'ultima, cioè la necessità, ma scaturita da diverse cause concomitanti: la capitale d'Italia doveva salire, nei valori calcistici nazionali, ai livelli di Torino, di Genova, di Milano, ma anche di Bologna.
    I grandi clubs del norditalia si erano rafforzati attraverso l'apporto di circoli cittadini, che si erano integrati o costituivano delle appendici dei granata, dei bianconeri, dei neroazzurri, dei rossoneri, dei rossoblu ecc. . Roma, questo movimento di unione non lo aveva, soprattutto perchè i diversi grappoli di tifosi non intendevano abbandonare le rivalità rionali che, nel '26, erano ancora profonde.
    La rivalità rionale significava anche una rivalità di classe e un distacco sociale tra gli abitanti di un rione e gli abitanti di un altro.
    Il movimento unitario del calcio romano cominciò molto prima della data di fondazione dell'A.S. Roma. Come punto emblematico di partenza occorre attestarsi - per meglio intendere le finalità desiderate da ItaloFoschi - al 1922, anno in cui militavano nella prima divisione regionale otto squadre capitoline: la Lazio (che non era un grosso club), il Roman, la Juventus, la Fortitudo, l'Alba, l'Audace, la Pro Roma, l'U.C. Romana. In quell'anno la Fortitudo riuscì a giungere in finale nazionale con la Pro Vercelli (la squadra romana si era affermata nel girone della Lega Sud e quella piemontese nel girone della Lega Nord). La Pro Vercelli diveniva campione vincendo i due incontri che l'opponevano alla Fortitudo: per 3-0 il primo e per 5-2 il secondo. Pur non essendo discutibile il risultato, il fatto che la Fortitudo fosse giunta a una lunghezza dallo scudetto aveva provveduto a caricare l'ambiente, e si ricercavano opportunità per rendere più solide le formazioni. Così l'U.C. Romana si fondeva nella Pro Roma. La Pro Roma, poi, si amalgamò alla Fortitudo, mantenendo la doppia ragione sociale (FortitudoPro Roma).


Allignava già, nelle squadre capitoline, il professionismo, o il semi professionismo, anche se alcuni giocatori disdegnavano qualsiasi compenso in denaro, come Carpi.
    Per inciso è da ricordare che le tre società fusesi nella Roma portarono <<un bagaglio oneroso di debiti, ed un peso fortissimo per giocatori pagati sino allora profumatamente. Per gli stipendi l'Alba pagava oltre 35.000 lire al mese, la FortitudoPro Roma non meno di 20.000 ed il Roman 7 o 8.000>>.
    Il rilievo appare nella prima relazione sociale del marzo 1928, letta ai soci dall'avv. Piero F. Crostarosa.
   Il professionismo nel calcio, comunque, a Roma venne praticato, in misura più accentuata che da altri, da Umberto Farneti, proprietario della "Bottiglieria del Gambero", situata in via del Gambero, ad un passo da via del Corso, fra Piazza S. Silvestro e via Frattina. La bottiglieria era un ritrovo di sportivi, richiamati oltre che dalla sede dell'Alba anche dalla cucina e dal vino genuino.
    Farneti, a causa di un difetto alla vista, era definito "er guercio". Di mole piuttosto considerevole, egli era il factotum dell'Alba e godeva di un certo prestigio nell'ambiente calcistico, non solo perchè la sua Alba era una buona squadra, ma anche perchè era un buon mediatore ed aveva un sistema molto pratico per convincere i giocatori delle altre compagini capitoline a passare alla squadra che dirigeva.
    Le sue prime operazioni di rastrellamento dei giocatori migliori si fanno risalire al campionato 1921/22, quando, tra l'altro, riuscì a far passare all'Alba il giocatore della Fortitudo Giovanni Degni.
    La contropartita fu l'apertura, per Degni, di una bottiglieria, i cui affari non prosperarono. Farneti, comunque, gliene aprì una seconda. Con Degni passarono all'Alba anche Corbyons e Alessandroni.
 E' facile immaginare come fossero surriscaldati gli incontri - vere e proprie stracittadine - fra l'Alba e la Fortitudo (si badi: la stracittadina non era contro la Lazie, n.d.L.).
Degni

Corbyons



   Sostanzialmente diversa era l'ambiente e l'impostazione del F.C. Roman.
Il Roman era un club d'élite - ora si direbbe "pariolino" - sostenuto da gente che poteva. Il sodalizio disponeva di un'organizzazione eccellente, di un proprio campo, di una sede ospitale.
    Il campo da gioco era il "Due Pini", posto esattamente dove, adesso, ci sono i campi da tennis del Tennis Club Parioli. La sede, invece, che sarebbe poi diventata la sede della Roma, era in via Uffici del Vicario, in un edificio di proprietà della famiglia Crostarosa.
    Il Roman era collocato in una cornice aristocratica. Presagio interessante: i colori giallorossi (un rosso cupo che poteva avvicinarsi al marrone, con risvolti francamente gialli). La squadra era rispettabile ma non irresistibile.


(poi Fortitudo Pro Roma)
   La Fortitudo, prima della sua unione con la Pro Roma, aveva già una lunga tradizione di attaccamento alla pratica sportiva, ma a livello dilettantistico; fra i suoi atleti vi era un profondo legame, possedevano una carica morale ed una serietà agonistica esemplari.
    La fondazione del sodalizio fu dovuta a fratel Damaso Cerquetti, dei Fratelli di N.S. della Misericordia, e risale al 1908; ma la continuità e la sua affermazione sono legate a fratel Porfirio Ciprari, una figura  di sacerdote, educatore e sportivo che ha lasciato un gradito ricordo, non solo nel rione Borgo, ma in tutta Roma.
    L'origine del calcio romano organizzato è da far coincidere con la nascita della Fortitudo, una squadra che giocava sui campi dei "Daini" dell' "Olmo", della "Madonna del Riposo". Quest'ultimo, anzi era il campo su cui giocava prima della fusione. Il suo stato maggiore fu composto per parecchi anni da religiosi. Non può sorprendere che i rossoblu della Fortitudo e i loro frato fossero fossero vittime di invettive sanguinose in un clima ardente, quando ogni partita era un derby. Ma i frati non deflettevano e la Fortitudo visse stagioni di gloria, lanciando giocatori di prim'ordine; su tutti basterà citare Attilio Ferraris, l'idolo di Borgo Pio, che quando la Roma nacque aveva già indossato la maglia azzurra.

I tre sodalizi (Alba, Roman, FortitudoPro Roma) erano di estrazione sociale diversa, con un diverso modo di intendere lo sport, con sostenitori provenienti da diversi ceti sociali.
    Questo, riassunto, era il quadro delle squadre capitoline nel 1926.
    Vi sono altri aspetti di cui bisogna tener conto: la posizione in classifica, nel 1926, delle diverse squadre nel campionato regionale laziale della Lega Sud.
    La classifica, a fine del girone, era la seguente:
Alba
p. 17
Fortitudo
p. 16
Lazio
p. 14
Audace
p. 7
Roman
p. 6
Pro Roma
p. 0
L'Alba si classificava al primo posto nelle semifinali interregionali e nella finale Lega Sud.
Nella finale del campionato, però, venne sconfitta dalla torinese Juventus per 7 a 1 e per 5 a 0.
    Due risultati che riconfermavano, come nel caso ricordato della Fortitudo del 1922 con la Pro Vercelli, il profondo distacco fra il Nord dominante e il Centro Sud soccombente.
    Nel campionato 1926/27, mentre erano in corso i negoziati per la fusione, l'Alba nel girone "A" si classificò al penultimo posto e la FortitudoPro Roma all'ultimo posto nel girone "B". Fu il primo campionato a due gironi, ognuno dei quali si disputò fra dieci squadre.
    La riforma del campionato fu proposta da ItaloFoschi, chiamato già a far parte dell'apposita commissione nominata dal C.O.N.I., ed attuata dal nuovo presidente della Federazione calcio, Leandro Arpinati.
    Leandro Arpinati, ucciso nell'insurrezione partigiana del 1945, fu un grosso personaggio del regime fascista, anche se prima di aderire al movimento mussoliniano aveva militato nelle file del partito socialista, era stato un anarchico e, nella prima grande guerra, un acceso interventista. Nel 1926 la sua stella politica era allo zenith: deputato, membro del Direttorio, podestà di Bologna, oltre ad essere l'esponente numero uno del Bologna F.C.. La città di Bologna con Arpinati, ebbe il primo stadio calcistico moderno, battezzato "Littoriale". "Il Littoriale" divenne anche il secondo quotidiano sportivo d'Italia, dopo la Gazzetta dello Sport, subentrando al trisettimanale Corriere dello Sport, stampato, anch'esso, a Bologna.
    Un vero "ras", dunque, in camicia nera. Ovvio che il suo potere non fosse troppo ben visto e che occorresse offuscarlo o, per lo meno, contrapporvi altre forze nel tentativo di limitarlo.
    Questa fu, insieme alle altre, la molla che fece scattare, sul piano realizzativo, l'idea di ItaloFoschi, già coinvolto nella dirigenza sportiva, ma in una posizione inferiore, da serie B.
   ItaloFoschi, che non era nato a Roma, ma che romano si sentiva, e che era passato al fascismo dalle camicie azzurre dei nazionalisti, desiderava che la città fosse, anche calcisticamente, non inferiore alle altre
e, possibilmente, ad un gradino superiore.
Nell'inverno 1926/27, in casa Foschi, in via Forlì, si cominciò a tessere la tela giallorossa, già con una trama precisa nella mente del suo ideatore, il quale, tra l'altro, era un uomo asciutto, di statura modesta, con gli occhiali "pince-nez" e l'immancabile sigaretta, Quante sigarette fumasse nessuno ricorda. Si sa, comunque, che consumava un solo cerino: per accendere la prima sigaretta al mattino. Poi, una dietro l'altra, senza soluzione di continuità. Foschi era anche molto parco nel mangiare e frugale al massimo. Bramante, uno dei primi giocatori del primo periodo giallorosso, ricorda che una volta, dopo essere stato a tavola con il primo presidente della Roma, al termine gli disse, in tono scherzoso: "Ora, vado a magnà", sottintendendo di avere ancora molto spazio da riempire nello stomaco.
ItaloFoschi fu un gerarca pulito, ed è ricordato per la sua capacità organizzativa. Ma è anche stato il primo tifoso giallorosso, oltre che primo presidente.
Morì, colpito da una sincope, allo stadio, al Flaminio, nell'attimo in cui la radio comunicava che la sua Roma perdeva 2-0 a Genova, contro la Sampdoria.
Era il 20 marzo 1949. Non si era ancora concluso il periodo dell'epurazione; c'era ancora un clima di caccia alle streghe. E ai suoi funerali c'erano dodici persone.
   Alle riunioni per far convergere nell'alveo calcistico capitolino propugnato da Foschi tutte le società che vi presero parte parteciparono:
l'On.le Ulisse Igliori, presidente dell'Alba;
l'Avv. Vittorio Scialoja, presidente del Roman;
il marchese Giovanni Sacchetti, presidente della FortitudoPro Roma.
    Tutti nomi che si ritrovano, nell'atto della costituzione, nel primo direttivo dell'A.S. Roma.
  ItaloFoschi, ormai decisa la costituzione della nuova associazione sportiva, alla quale era stato dato il nome di Roma e assegnati i colori del Roman, cioè il giallo e il rosso, e che rappresentavano i colori del gonfalone del Campidoglio, convocò anche la Lazio. Tuttavia, sapendo le ragioni della convocazione, i dirigenti della Lazio, su proposta del console GiorgioVaccaro(quando il nome svela le origini! n.d.L.), indirono un'assemblea dei soci biancocelesti, nel corso della quale venen eletto presidente il generale Ettore Varini e vice presidente il console Vaccaro (giugno 1927). La mossa fu politica: Varini e Vaccaro (uno comandante e l'altro capo di S.M. della Milizia) sfruttarono il latente dissidio fra gerarchi e milizia e ottennero di restare esclusi, non supponendo, certamente, che sarebbe nato, col loro dissenso, uno dei motivi predominanti della tifoseria romana: la divisione tra romanisti e laziali. L'operazione Foschi comunque era andata in porto.
La sede dell'A.S. Roma veniva stabilita in via Uffici del Vicario n. 35:
22 LUGLIO 1927
"Gli sportivi romani esulteranno certamente di legittima soddisfazione apprendendo che finalmente è stato raggiunto l'accordo fra tre delle massime associazioni calcistiche. Accordo raggiunto per quella tanto desiderata fusione di forze e di valori che dovrà dare al calcio romano un nuovo assetto ed una nuova forza vivificatrice. L'ormai avvenuta fusione delle tre società <<Alba>>, <<Fortitudo>> e <<Roman>> è quanto di più desiderabile, nell'interesse dello sport romano, potevano augurarsi le folle sportive. Al di sopra di interessi minimi di entità personale è stato posto finalmente un unico e grande interesse: quello dello sport.
Di ciò va data ampia lode ai benemeriti dirigenti le tre Associazioni ed in principal modo ai presidenti comm. Italo Foschi, anima dell'auspicata fusione, on. Ulisse Igliori e avv. Vittorio Scialoja.

LA RIUNIONE DI IERI SERA
Ieri sera si sono riuniti i presidenti delle tre società Alba, Fortitudo e Roman nelle persone dell'on. Ulisse Igliori, del comm. Italo Foschi e dell'avv. Vittorio Scialoja, i quali riconoscendo la necessità di dotare Roma di una grande squadra di calcio, e di dare incremento a tutti gli sports atletici, hanno deciso, anche in ossequio al desiderio delle superiori gerarchie del Partito, di fondere gli Enti da loro presieduti e di costituire un nuovo organismo che prenderà il nome di
Associazione Sportiva Roma.
L'accordo è stato raggiunto con rapidità fascista e la fusione è ormai un fatto compiuto ed avrà inizio non appena cessati gli attuali impegni dei vari 
campionati in corso.
La nuova squadra giuocherà con la maglia dai colori di Roma, fregiata dallo scudo verde sormontato 
dalla lupa e dal fascio littorio.
Il campo sportivo sarà quello del Motovelodromo Appio, al quale saranno apportati notevoli miglioramenti. Il nuovo Ente disporrà anche di un campo di allenamento al Testaccio".

E' bene precisare che Massimo Izzi, studioso di storia della Roma, fa invece risalire la nascita dell'Associazione ad almeno un mese prima in quanto il Messaggero il 20 giugno del 1927 pubblicava un articolo intitolato "L'Associazione Sportiva Roma, le dichiarazioni di Italo Foschi sull'organizzazione del nuovo ente" e poiché già il 17 luglio 1927 la Roma giocava al Motovelodromo Appio contro l'UTE (2-1 con reti di Cappa e Heger).
Ogni gruppo di soci, almeno all'inizio, continuò ad incontrare i vecchi amici nei luoghi di convegno tradizionali. Ma, opportunamente, non si mancò di rilevare che nei locali sociali non si ebbe a constatare il minimo incidente, sottolineando che fra i soci <<appartenenti alle più diverse classi sociali e provenienti da società diverse, si sia, in poco tempo stabilita un'atmosfera di cordiale e simpatico affratellamento non disgiunto da un senso di reciproco rispetto e di doveroso ossequio verso i dirigenti in ispecie>>.

SENATUS
POPULUS
QUE
ROMANUS
l' S.P.Q.R. appartiene 
a noi


GLI ABBONATI DELLA ROMA
1975/76
22.800
1976/77
18.800
1977/78
20.500
1978/79
18.900
1979/80
19.900
1980/81
16.800
1981/82
18.200
1982/83
14.200
1983/84
19.800
1984/85
22.200
1985/86
17.600
1986/87
22.400
1987/88
17.900
1988/89
18.600
1989/90
10.000
1990/91
22.800
1991/92
34.200
1992/93
32.200
1993/94
33.800
1994/95
38.200
1995/96
39.700
1996/97
36.000
1997/98
34.700
1998/99
33.000
1999/00
42.000
2000/01
46.000
 2001/02
47.000
2002/03
47.000
   

CLICCA SULLE VITTORIE PER VEDERE I RISULTATI E LE FOTO!!!
Se clicchi sulla stagione, puoi trovare la foto della squadra di quell'anno;
se clicchi sulla serie, potrai trovare la foto della tessera stagionale;
se clicchi su "risultati e classifiche", troverai oltre a ciò un breve resoconto della stagione
If you click on the year, you can find the picture of the team;
if you click on the division, you can find the season ticket of the year,
if you click on the victories you'll find results & pics.
Stagione
Season
Serie
Division
Piazzamento
Classification
Vittorie
Palmarés
Presidente
President
Allenatore
Trainer
1927/28
Serie A - Girone B
8
Risultati e classifica
Coppa C.O.N.I.
Foschi Garbutt
1928/29
Serie A - Girone A
3
Risultati e classifica
  Foschi Garbutt
1929/30
Serie A
6
Risultati e classifica
  Sacerdoti Baccani, poi Burgess
1930/31
Serie A
2
Risultati e classifica
  Sacerdoti Burgess
1931/32
Serie A
3
Risultati e classifica
  Sacerdoti Burgess, poi Baar
1932/33
Serie A
5
Risultati e classifica
  Sacerdoti Baar, poi Kovacs
1933/34
Serie A
5
Risultati e classifica
  Sacerdoti Barbesino
1934/35
Serie A
4
Risultati e classifica
  Sacerdoti Barbesino
1935/36
Serie A
2
Risultati e classifica
  Scialoja Barbesino
1936/37
Serie A
10
Risultati e classifica
  I. Betti Barbesino
1937/38
Serie A
6
Risultati e classifica
  I. Betti Ara
1938/39
Serie A
5
Risultati e classifica
  I. Betti Ara
1939/40
Serie A
7
Risultati e classifica
  I. Betti Ara, poi Shaffer
1940/41
Serie A
11
Risultati e classifica
  I. Betti Shaffer, poi Kertsez
1941/42
Serie A
1
Risultati e classifica
Campione d'Italia
E. Bazzini Shaffer
1942/43
Serie A
9
Risultati e classifica
  E. Bazzini Shaffer, poi Kertsez
1943/44
Campionato romano
2
Risultati e classifica
 
1944/45
Campionato laziale
1
Risultati e classifica
 
1945/46
Campionato Centro-Sud misto Serie A e B
3 nel campionato centro sud
6 nel girone finale
Risultati e classifica
  Baldassarre Degni
1946/47
Serie A
15
Risultati e classifica
  Baldassarre Degni
1947/48
Serie A
17
Risultati e classifica
  Baldassarre Senkey, poi Brunella
1948/49
Serie A
14
Risultati e classifica
  Baldassarre Brunella
1949/50
Serie A
17
Risultati e classifica
  Restagno Bernardini, poi Brunella
1950/51
Serie A
19
Risultati e classifica
Retrocessa in serie B
Restagno Baloncieri, poi Serantoni, poi Masetti
1951/52
Serie B
1
Risultati e classifica
Promossa in serie A
Sacerdoti Viani
1952/53
Serie A
6
Risultati e classifica
  Sacerdoti M. Varglien
1953/54
Serie A
6
Risultati e classifica
  Sacerdoti M. Varglien, poi Carver
1954/55
Serie A
3
Risultati e classifica
  Sacerdoti Carver
1955/56
Serie A
6
Risultati e classifica
  Sacerdoti Sarosi
1956/57
Serie A
14
Risultati e classifica
  Sacerdoti Sarosi, poi Masetti
1957/58
Serie A
5
Risultati e classifica
  Sacerdoti Stock, poi G. Nordhal
1958/59
Serie A
6
Risultati e classifica
  A. Gianni G. Nordhal, poi Sarosi, poi G. Nordhal
1959/60
Serie A
9
Risultati e classifica
  A. Gianni Foni
1960/61
Serie A
5
Risultati e classifica
Coppa delle Fiere
A. Gianni Foni
1961/62
Serie A
5
Risultati e classifica
  A. Gianni Carniglia
1962/63
Serie A
5
Risultati e classifica
  Marini Dettina Carniglia, poi Foni
1963/64
Serie A
12
Risultati e classifica
Coppa Italia
Marini Dettina Foni, poi Kriezu, poi Mirò
1964/65
Serie A
9
Risultati e classifica
  Marini Dettina Lorenzo
1965/66
Serie A
8
Risultati e classifica
  Evangelisti Pugliese
1966/67
Serie A
10
Risultati e classifica
  Evangelisti Pugliese
1967/68
Serie A
10
Risultati e classifica
  Evangelisti Pugliese
1968/69
Serie A
8
Risultati e classifica
Coppa Italia
Ranucci Herrera
1969/70
Serie A
11
Risultati e classifica
  Marchini Herrera
1970/71
Serie A
6
Risultati e classifica
  Marchini Herrera, poi Tessari
1971/72
Serie A
7
Risultati e classifica
Torneo Anglo-italiano
Anzalone Herrera
1972/73
Serie A
11
Risultati e classifica
  Anzalone Herrera, poi Trebiciani
1973/74
Serie A
8
Risultati e classifica
  Anzalone Scopigno, poi Liedholm
1974/75
Serie A
3
Risultati e classifica
  Anzalone Liedholm
1975/76
Serie A
10
Risultati e classifica
  Anzalone Liedholm
1976/77
Serie A
8
Risultati e classifica
  Anzalone Liedholm
1977/78
Serie A
8
Risultati e classifica
  Anzalone Giagnoni
1978/79
Serie A
12
Risultati e classifica
  Anzalone Giagnoni, poi Valcareggi-Bravi
1979/80
Serie A
7
Risultati e classifica
Coppa Italia
D. Viola Liedholm
1980/81
Serie A
2
Risultati e classifica
Coppa Italia
D. Viola Liedholm
1981/82
Serie A
3
Risultati e classifica
  D. Viola Liedholm
1982/83
Serie A
1
Risultati e classifica
Campioned'Italia
D. Viola Liedholm
1983/84
Serie A
2
Risultati e classifica
Coppa Italia
D. Viola Liedholm
1984/85
Serie A
7
Risultati e classifica
  D. Viola Eriksson
1985/86
Serie A
2
Risultati e classifica
Coppa Italia
D. Viola Eriksson
1986/87
Serie A
7
Risultati e classifica
  D. Viola Eriksson, poi Sormani
1987/88
Serie A
3
Risultati e classifica
  D. Viola Liedholm
1988/89
Serie A
8
Risultati e classifica
  D. Viola Liedholm, poi Spinosi, poi Liedholm
1989/90
Serie A
6
Risultati e classifica
  D. Viola Radice
1990/91
Serie A
9
Risultati e classifica
Coppa Italia
D. Viola, poi Flora Viola Bianchi
1991/92
Serie A
5
Risultati e classifica
  G. Ciarrapico Bianchi
1992/93
Serie A
10
Risultati e classifica
  G. Ciarrapico Boskov
1993/94
Serie A
7
Risultati e classifica
  C. Di Martino, 
poi F. Sensi
Mazzone
1994/95
Serie A
5
Risultati e classifica
  F. Sensi Mazzone
1995/96
Serie A
5
Risultati e classifica
  F. Sensi Mazzone
1996/97
Serie A
13
Risultati e classifica
  F. Sensi Carlos Bianchi, poi Liedholm-Sella
1997/98
Serie A
4
Risultati e classifica
  F. Sensi Zeman
1998/99
Serie A
5
Risultati e classifica
  F. Sensi Zeman
1999/2000
Serie A
6
Risultati e classifica
  F. Sensi Capello
2000/01
Serie A
 1
Risultati e classifica
 Campioned'Italia
F. Sensi Capello
2001/02
  Serie A
 2
Risultati e classifica
Supercoppa italiana
F. Sensi Capello
2002/03
  Serie A
8
 Risultati e classifica
  F. Sensi Capello


VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me