BARI/ROMA 1-4
20 MAGGIO 2001
pagina 8
pagina 1
pagina 2
pagina 3
pagina 4
pagina 5
pagina 6
pagina 7
pagina 8

Con questi tifosi vincere diventa più facile

 dal nostro inviato
MIMMO FERRETTI

BARI - Trequarti di stadio, il "San Nicola" non l’Olimpico, dipinto di giallo e rosso. Esodo da paura, e con ogni mezzo, anche il più pittoresco. La Roma, insomma, ha giocato in casa, non a quattro ore di auto dalla capitale. Il ragionamento è questo: la squadra di Capello, probabilmente, avrebbe vinto contro il Bari attuale anche se avesse giocato in uno stadio vuoto, oppure riempito soltanto dai tifosi della squadra di casa. E’ indubbio, però, che la cornice abbia aiutato la formazione giallorossa. Perché non può non contare niente avere dalla tua parte oltre venti, venticinquemila persone.
Una domenica, per certi versi, da record: chissà, del resto, quante altre volte in passato s’era vista tanta gente muoversi da casa per seguire in trasferta la squadra del cuore. Il segno di una passione infinita che in queste ore sta vivendo il presente come un immenso sogno. La parte di Roma che professa la fede giallorossa ormai da mesi non pensa che a quel traguardo che manca dal maggio del 1983. E più passa il tempo e più cresce la tensione. Il traguardo è lì, a tre passi, ma è ancora troppo lontano per dar libero sfogo alla gioia. Ma diceva, qualche giorno fa, Batistuta: «prima o pi taglieremo il traguardo, se non sarà domani sarà dopodomani». Come dire: la cosa è praticamente certa, o quasi. Oltre venti, venticinquemila tifosi in carovana verso Bari rappresentano un patrimonio inestimabile, per la causa romanista. Impossibile dimenticare, o anche sottovalutare quanto accaduto ieri a Bari. Sarà anche vero che il calcio sta diventando uno sport sempre più televisivo, ma i tifosi della Roma sono in grado di smentire tutto e tutti.

Il Messaggero
21/5/2001



 

MAGICA TRASFERTA
Il sogno scudetto mette le ali alla curva sud
Venticinquemila tifosi giallorossi al ”San Nicola”.
Sugli spalti ancora tabù ”vinceremo il tricolor”


 


 di ALESSANDRO ANGELONI

BARI - Tanti, passionali, incredibili e festanti. Sono i venticinquemila tifosi della Roma presenti al "San Nicola" di Bari che, per l'occasione, si è travestito da Olimpico. Anche all'esterno del suggestivo impianto barese, il colore dominante era il giallorosso: le bandiere e le sciarpe che venivano vendute nelle bancarelle erano solo della Roma.
L'entusiasmo, che ha spinto qui anche Massimo D’Alema, è alle stelle, dalle prime ore della mattinata. La convinzione di vincere lo scudetto è palese, contro ogni forma scaramantica. "Finalmente ci siamo...", recitava uno striscione presente nella curva romanista. I primi messaggi sono di autoesaltazione per la massiccia presenza in trasferta, presenza più che mai da record. "Ma quanti semo?", si chiedevano stupiti. Per dopo affermare, "Più siamo e meglio stiamo". Poi, ai baresi. "Potevate annà ar mare..." e ancora, "20, maggio, 2001, un'invasione d'amore", e sulla stessa falsa riga, "450 chilometri d'amore, 360 minuti al tricolore..". Ironici e spietati, contro squadra e tifoseria barese che alzava la voce solo ai gol della Lazio e della Juventus. "Nun v'ha sarvato manco padre Pio" oppure il più raffinato "Se riBeccamo", la lettera B segnata rigorosamente in rosso. Infine, grande appare, "Ave Roma, le legioni ti salutano". Non potevano mancare, nonostante la distanza che li separava, alcuni striscioni verso i cugini laziali. "Laziale, sentite male" uno, "Squadra de pecore, curva de pastori", un altro. E il più polemico, "Tutto l'anno romano teppista, oggi affari in vista".

Non sono mancate le scritte in onore di Aldair, infortunatosi domenica scorsa contro l'Atalanta. "Lottate per Aldair", e anche "Altri 100 anni di Aldair", e il più augurante in attesa del traguardo finale, "10 anni d'amore, ti daremo il tric.... Grazie Pluto". Era ovvio anche rivolgere attenzioni a Totti che stava festeggiando la sua duecentesima gara in serie A. "Dal 28-3-93 al 20-5-01, 200 volte grazie". Poi, "La maglia e il tuo orgoglio romano, fanno di te un grande capitano". Curiosi anche gli striscioni dedicati a Montella, "Meglio Montella che pizza bianca e mortadella" e a Nakata, "Nakatastrofe". Poi i soliti e sempre presenti, "Barcollo ma non mollo", "Irina ti invidio". E gli inediti, "'Sta Roma mena", "Sotto a chi tocca".

Prima dell'inizio della partita si è visto in campo Antonio Cassano. Il suo è stato un giro d'onore con tanto di saluto al suo futuro pubblico. Il giocatore si è reso subito conto di cosa lo aspetterà nella capitale ed è uscito visibilmente toccato dallo spettacolo cui stava assistendo. Poi solo sventolio di sciarpe e bandiere e canti per tutti i novanta minuti. Beccati ancora i tifosi del Bari che stanno accompagnando la squadra i B, "Ve salutamo adesso, poi nun se vedemo più". Come rispondono gli avversari? Rubano uno striscione della Roma presente in tribuna. Il "ladro" corre inseguito dalla polizia, ma riesce a risalire con il cimelio in mano, stranamente orgoglioso del gesto.

Incitati inoltre tutti i giocatori, dal primo all'ultimo. In curva cantano "Roma, Roma" di Venditti, in mezzo ad uno sventolio di bandiere e sciarpe. Commoventi. Toccati anche gli stessi giocatori che non avevano mai visto uno spettacolo del genere. Attimi di speranza dopo il gol dell'Udinese, poi la delusione per i risultati finali. Il coro de "La società dei magnaccioni" è il cult che accompagna le squadre agli spogliatoi dopo il fischio finale di Farina. Ci credono tutti, ma "Vinceremo il tricolore", ancora non si sente cantare. Un centinaio di tifosi della Roma invade il terreno di gioco alla fine della partita. Inseguiti Totti, Batistuta e Nakata. Prime maglie strappate. Poi ci ha pensato la polizia a calmare il civile entusiasmo della gente romana. Che è tornata a Roma con l'ennesima vittoria sugli spalti.

Il Messaggero
21/5/2001




VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me